Coronavirus:sospendere le rate del mutuo

In questo articolo ti spiegheremo come beneficiare della moratoria per il coronavirus introdotta dal decreto “Cura Italia” e sospendere le rate del mutuo per la prima casa
coronavirus sospendere rate mutuo

Nei prossimi nove mesi, con il Dl 9/2020,anche i lavoratori autonomi potranno richiedere la moratoria del decreto “Cura Italia”, a patto che riescano a certificare di aver subìto perdite su base trimestrale pari al 33% sul fatturato.

In più, fino a circa metà dicembre, è stato eliminato il tetto di 30mila euro di reddito Isee necessario finora per accedere alla misura.

La domanda potrà essere presentata presso la propria banca, ma, bisognerà attendere qualche settimana, in attesa di ulteriori chiarimenti sulle modalità attuative delle nuove disposizioni. 

Il Fondo di solidarietà, per la sospensione del pagamento delle rate dei mutui per l’acquisto della prima casa, ha stanziato altri 400 milioni di euro, che si aggiungono ai circa 25 milioni residui. 

Eccoti alcune informazioni utili su come sospendere le rate del mutuo sulla prima casa,dopo la pandemia coronavirus.

Chi ha diritto alla sospensione delle rate del mutuo ?

Il proprietario di un immobile adibito ad abitazione principale, purché titolare di un mutuo contratto per l’acquisto dello stesso immobile di importo non superiore a 250mila euro e in possesso di indicatore Isee non superiore a 30mila euro.

Il mutuo deve, inoltre, essere in ammortamento da almeno un anno al momento della presentazione della domanda. 

Quali sono le novità che sono state inserite ?

Il Fondo finora ha concesso la sospensione del pagamento delle rate, fino a 18 mesi, al verificarsi di queste situazioni di temporanea difficoltà: cessazione del rapporto di lavoro oppure morte o riconoscimento di grave handicap, ovvero di invalidità civile non inferiore all’80%. 

Quali documenti occorrono?

Probabilmente basterà un’autocertificazione alle partite Iva, che dovranno dichiarare di aver registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 un calo del proprio fatturato superiore al 33% del fatturato risalente all’ultimo trimestre 2019. 

Per chi, invece, ha subìto una riduzione dell’orario di lavoro o la sospensione dall’attività, è atteso un decreto attuativo che dovrà “modulare” la durata della sospensione e specificare la documentazione richiesta, da presentare a corredo della domanda.

Come funziona nello specifico?

Per la durata della sospensione, il fondo pagherà alle banche solo il 50% della quota dei mancati interessi maturati sulle rate non versate, calcolati sulla base dell’Irs o dell’Euribor presi come riferimento per il calcolo del piano di ammortamento. 

Il restante 50% degli interessi maturati durante la sospensione resterà a carico del titolare del finanziamento.

Finita la sospensione, il mutuatario riprenderà a pagare le rate partendo dalla quota capitale residua lasciata al momento della domanda,allungando il piano di ammortamento di un periodo pari alla durata della sospensione. 

Aspetta!
Ci sono tante altre possibilità per fare buoni investimenti con gli immobili in questo periodo. Vuoi saperne di più? Da questo momento puoi Contattare GRATUITAMENTE al numero +334 980 0738 un Esperto Consulente Immobiliare della Leone Re che sarà felice di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Vuoi restare sempre aggiornato con le informazioni delle Leone Re? Iscriviti ora GRATUITAMENTE alla newsletter tramite Messenger: QUI PS: Presto riapriremo anche il Sabato dalle 09.00 alle 13.00 nelle nostre sedi: CONTATTACI QUI

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER,IN REGALO PER TE UN EBOOK GRATIS!